giovedì 21 maggio 2009

Risponde anche Luigi Francini

Buonasera,
ho letto l'intervento del Partito Democratico sul sito di toscanella circa la posizione del patto per Tuscania, sulla questione aperta della centrale a biomasse e sono rimasto esterefatto dai contenuti di tale intervento, tanto da spingermi a lasciare un personale e doveroso commento e mi chiedo: ma il PD tuscanese è colpito da deficienza democratica o insegue l'idea decisionista berlusconiana dove tutto è bianco o tutto è nero e ciò che viene decretato è indiscutibile e inappellabile?
la gran parte della nostra comunità vuole essere informata (dalla libera scienza e non dalla politica o dagli scienziati emissari della politica), vuole capire ciò che è stato deciso circa la centrale a biomasse ; quale sarà l'impatto sull'ambiente e sulla salute, quali saranno i vantaggi e gli svantaggi quale sarà il destino del paesaggio e delle attività produttive. Le forze politiche che stanno concorrendo per la formazione del nuovo consiglio comunale, hanno il dovere per ragioni di rappresentanza di raccogliere i sentimenti della comunità o di quella parte della comunità, che si pone domande :
il dibattito, la contestazione ,il confronto, l'informazione e le molteplici voci sono il fondamento della democrazia !L'eversione è distruttiva, mette a tacere , blocca la discussione ed è sconcertante che questa parola venga pronunciata da un partito autodefinito democratico

luigi francini

15 commenti:

  1. ..ma dove li trovate questi che creano gli articoli contro il PD?.. uno più incompetente dell'altro... che tutti quelli che entrano in questo blog si vadano a vedere i commenti dell'articolo precedente che furbescamente volete mettere in secondo piano... lì ci sono tutte le risposte..

    Dimenticavo... dagli atti UFFICIALI il signor Augusto Ciccioli è uno dei massimi responsabili della situazione attuale (non era x caso assessore all'ambiente nell'ultima amministrazione?)... e lui sa perchè... domandate..

    Continuate così..continuate a votarlo a lui ed all'innonimato (R.B)..

    Alfredo

    RispondiElimina
  2. Responsabile di cosa?
    E' anche grazie a lui se la centrale ancora non avvelena i tuscanesi.
    Siete così preoccupati per i soldi, ma la salute dei nostri e dei vostri bambini e concittadini dove la mettete?

    RispondiElimina
  3. vedo con piacere che abbiamo trovato una degna figura (Alfredo) così preparata nella materia capace di potersi permettere di dare dell'incompetente a chi esprime i propri dissensi , punti di domanda ed opinioni su un progetto purtroppo ormai prossimo ... può rispondere gentilmente alle domande poste dal sig. francini su tale questione? 1) volevo sapere perchè su una vicenda così importante e molto discutibile , almeno la metà della popolazione tuscanese non è stata informata neanche della necessaria presenza di una struttura imponente come la centrale a biomassa ? 2) coloro che appoggiano tale progetto , quando pensano di informare i cittadini , discutere sui punti estremamente importanti come :
    _DISPONIBILITà ; le biomasse non sono disponibili in ogni momento dell'anno .Basti pensare a tutte quelle che derivano da colture stagionali, la cui raccolta avviene in un determinato periodo dell'anno. Così anche il legno viene tagliato prevalentemente d'inverno poichè , durante questa stagione contiene meno umidità .Per questo motivo impianti alimentati a biomassa richiedono grandi zone per lo stoccaggio del materiale , che viene di fatto reso disponibile una volta all'anno.
    _RESA PER ETTARO ; Al contrario di combustibili tradizionali , che si trovano di solito in giacimenti di grandi dimensioni , la produzione di biomasse avviene generalmente su aree molto elevate .Questo è forse il principale limite allo sfruttamento delle biomasse . Basterà sfruttare le zone(delle arree tuscanesi) inerenti alla produzione di legname affinchè la centrale riesca ad essere alimentata continuamente e correttamente? O VERRANNO IMMESSI COMBUSTIBILI DI QUALSIASI GENERE DI MISTERIOSA PROVENIENZA?
    _INQUINAMENTO LOCALE : La combustione del legname soprattutto se legnoso ,pur contribuendo in maniera minimale all'emissione di CO2, emette quantità significative di ossido di azoto ( che sono i maggiori inquinanti della pianura padana trà l'altro ) ossidi di zolfo e metalli pesanti che la pianta ha assorbito . Essendo il cloro presente un pò ovunque in natura si hanno emissioni significative di cloruri e diossine. COME PROVVEDERETE A LIMITARE LE EMISSIONI DI GAS INQUINANTI E POLVERI SOTTILI ? QUALI SONO I COSTI DI GESTIONI E I GUADAGNI RIFERITI AD UNA REALTà PICCOLA COME TUSCANIA?? prego al signor alfredo o chi di competenza di dare risposte grazie


    Marco (sinistra e libertà)

    RispondiElimina
  4. [covoni di paglia mossi dal vento...]

    Comunque su Toscanella.it è uscito un comunicato stampa del Candidato Regino Brachetti (anche se un po' più difficile da scovare rispetto a quello del PD) che ribadisce il NO della lista all'attuale progetto.

    Lo spettatore non votante

    RispondiElimina
  5. Luigi, anch'io sono contro le biomasse, possiamo essere contrari ed opporci anche senza votare Regino Brachetti, perchè la biomassa è la padella loro sono la brace... perdonate la franchezza

    RispondiElimina
  6. gli altri? La cenere?

    RispondiElimina
  7. si la cenere, ma dalla cenere si rinasce

    RispondiElimina
  8. Se sono ceneri speciali come quelle della biomassa mi sa tanto di no...

    RispondiElimina
  9. Allora viva l'impero dei Brachetti, sarà pulito e profumato, pieno boscoli, di arte, musica e colore!
    Amen (tanto anche don pino vi benedice no?)

    RispondiElimina
  10. hai detto tutto e nn hai detto niente , puoi essere + preciso se riesci? cerchiamo di argomentare ed essere chiari !!!grazie

    RispondiElimina
  11. che don pino appoggia brachetti non è una novità e non lo è già dalle scorse elezioni...
    lo sapete quante vertenze ha collezionato don pino durante la gestione di san francesco? cosa ne pensate di quella gestione? credete sia normale far lavorare tutta quella gente sottopagata e al nero? vi sembra normale che un prete faccia propaganda elettorale durante le omelie della domenica? siete al corrente della Tuscania Parking? Siete al corrente che Daverio è della Lega? Che Regino ha iniziato la sua carriera politica con l'MSI e che l'ha conclusa con Mastella? ma che razza di sinistra è la vostra?? siete il disonore della sinistra e avete anche coraggio di sputare sentenze contro Serenella Pallottini!
    sono stato preciso adesso? sicuramente no e non vedo l'ora di leggere la vostra ennesima patetica risposta
    P.S. mi firmerei se 'sto paese non fosse un paese mafioso

    RispondiElimina
  12. se c'è mafia è perchè c'è gente omertosa.

    Daverio concorre a milanp con Penati che è un uomo di Veltroni, sta nel consiglio nazionale del Pd,con la lega fu una nomina tecnica.

    Siamo il disonore della sinistra? Io credo propeio di no,basta vedere il programmae questione biomasse, comunque se possiamo essere un disonore per la sinistra è perchè almeno noi siamo di sinistra.

    Ciao

    RispondiElimina
  13. pure io ero de sinistra, mo sto co di pietro e pe 'ste elezioni il voto lo do a Natali perchè a Tuscania la sinistra, il Pd e compagnia bella fanno solo l'affari sui, almeno di qua c'è più coerenza e rispetto pe la gente del paese. Ma sto D'averio chi è che o visto il manifesto e me so mpaurito
    F. C.

    RispondiElimina
  14. Mi intrometto perché,pensa che strano,io ero di destra,ora voto anche io DI PIETRO,però non voto NATALI,vanno porta a porta come testimoni di geova e non riesco a credere che lo faccino per il bene di Tuscania.Sono solo 5 anni che sono residente e ad oggi ho visto che in TUTTE le liste c'è chi si fa ic.....zi suoi.
    Forse Matteo e Augusto sono tra quei pochi che si limitano e cercano di fare anche qualcosa di utile.
    Biomasse e NON SOLO

    RispondiElimina
  15. F.C.,

    Tranquillo, Daverio non morde, anzi.
    Tralasciando il nome completo che è lunghissimo, Daverio è uno stimatissimo critico d'arte che lavora in televisione (Art.tu su Rai Tre nel 2001 e Passpartout dal 2002 ad oggi sempre sulla stessa rete) ed è docente Ordinario di Disegno Industriale presso il Corso di Laurea in Disegno Industriale dell'Università di Palermo.

    Ulteriori informazioni sono disponibili presso questo indirizzo:

    http://www.design.polimi.it/guida/2006/index.php/faculty_docenti/docente/5888

    Io che lo conoscevo poco, sono rimasto colpito dal discorso che ha pronunciato il giorno della presentazione della lista "Patto per Tuscania", devo dire che mi ha fatto un'ottima impressione.

    Ha parlato, ad esempio, del fatto che nei mesi a venire, Tuscania sarà sotto gli occhi di tutta la nazione perché rappresenta uno dei migliori esempi di conservazione dei beni culturali e che, di conseguenza, potrebbe essere adottata come modello di riferimento nella ricostruzione del centro storico de L'Aquila (e mi sembra plausibile dato che tra "new town e altre idee, in quell'inferno non sanno proprio da dove cominciare).

    Fabrizio

    RispondiElimina